12 marzo 2012

VALDEGAMBERI: PERCHE’ NON CI SCAMBIAMO LA BUSTA PAGA?

12/03/2012
La busta paga mensile del consigliere regionale Stefano Valdegamberi (vedi l’Arena del 5 agosto 2011) è di 11.006 euro al mese netti e lui trova che (dichiara sempre allo stesso quotidiano), tolte le spese e i versamenti Inps, “resta uno stipendio normale”! Ci vuole una bella faccia di bronzo, allora, per scandalizzarsi se il sottoscritto percepisce un compenso mensile lordo inferiore al suo compenso mensile netto. Inoltre, diversamente da lui e come tutti i giornalisti, timbro il cartellino ogni giorno e non godrò di un vitalizio, che avrà lui come consigliere regionale, pagato dai contribuenti. Criticando il fatto che io abbia anche un altro incarico, omette di dire che l’ho ricevuto da un privato e che lo svolgerò nel mio tempo libero. Ignora, inoltre, che nel Comune di Verona la figura del portavoce esiste fin dal tempo del Sindaco Michela Sironi e che il “faraonico” staff del Sindaco è inferiore, per numero e costi, a quello della Giunta precedente. Quanto al suo lamentarsi del fatto che lui deve arrangiarsi in proprio per la comunicazione, ricordo che quando, dal 2005 al 2010, era assessore regionale aveva sempre e comunque un giornalista dell’Ufficio Stampa della Giunta regionale a sua disposizione. Forse i cittadini, per effetto del Governo Monti, dovranno tirare ulteriormente la cinghia: lui, di certo, anziché tirarla dovrà fare qualche altro buco. Su una cosa comunque concordo con lui: i cittadini chiedono più sobrietà. Cerchi di capire bene il significato del termine sul vocabolario e si adegui.

Roberto Bolis
Capo ufficio stampa del Comune di Verona e portavoce del Sindaco

Home Storia Eletti Gallery Amici della Lista Tosi Calendario Eventi News